La scorsa settimana abbiamo offerto ai nostri lettori qualche consiglio per un viaggio (quasi) senza imprevisti; oggi il focus è sulle assicurazioni. Se hai intenzione di intraprendere un viaggio lungo e particolarmente oneroso, è giusto munirsi di un paracadute. È qui che vengono in aiuto le assicurazioni, studiate ad hoc per ogni situazione.

Le principali tipologie sono tre:

  1. Viaggio – sanitaria: copre le spese derivanti da eventuali problemi di salute riscontrati all’estero, come incidenti e malattie. Prevede, in alcuni casi, il rientro aereo d’urgenza e la garanzia di ricevere medicinali.
  2. Bagaglio: copre il furto, lo smarrimento, l’incendio e incidenti il vostro bagaglio
  3. Annullamento: rimborsa le spese di viaggio già sostenute in caso di annullamento

 

Le assicurazioni possono essere acquistate al momento della prenotazione (molto spesso fornita direttamente dal sito, ad esempio Booking.com, per un piccolo sovrapprezzo) oppure in un secondo momento tramite le compagnie assicurative classiche.

È un’indagine di Forbes di Gennaio 2024 ad annoverare AXA come migliore assicurazione per i viaggi, seguita da Coverwise e Columbus Assicurazioni.

BISOGNA PERÒ FARE ATTENZIONE
Prima di stipulare il contratto, vale la pena leggere tutte le clausole per comprendere in quali casi l’assicurazione è valida perché l’inganno è sempre dietro l’angolo. Anche in questo caso, mi sento di dare qualche consiglio:

  • Verifica sempre i massimali e i sottomassimali per ogni copertura, non sempre infatti ad un’offerta economica corrisponde una protezione adeguata.
  • Fai attenzione alla franchigia. Si tratta di un costo a carico dell’assicurato presente in diversi contratti. Può essere inserita nelle spese mediche all’estero. Molto spesso con un supplemento all’acquisto, si ottiene l’esonero dalla franchigia.
  • Leggi bene il contratto e le clausole annesse prima di firmare. Soprattutto per essere a conoscenza dei punti e delle situazioni che escludono il risarcimento.

 

Durante l’organizzazione di un viaggio c’è in effetti molto a cui pensare e l’assicurazione potrebbe sembrare un qualcosa di accessorio o, addirittura, superfluo. Assicuro però che, con un po’ di attenzione in più prima, il relax è garantito senza imprevisti di alcun tipo. E se ne sopraggiungono? No problem… ci pensa l’assicurazione!

 

 

Immagine in evidenza di Freepik

© Riproduzione riservata