Si dice che il cane sia il migliore amico dell’uomo e in questi ultimi anni il mercato degli animali è cresciuto a dismisura registrando, soltanto per il pet food, circa 90 miliardi di euro di fatturato nel 2022.

Giusto per precisare: nel conteggio non sono considerati giocattoli, accessori ecc.

Nel 2020, durante la pandemia, in Italia c’è stato un vero e proprio boom di adozioni: sono circa 3,4 milioni le persone che fra il 2020 e il 2021 hanno fatto questa scelta. Ad oggi quasi il 40% degli italiani ha in famiglia almeno un animale domestico arrivando quasi a 20 milioni di cani e 956.308 gatti microchippati.

 

Ma cosa succede quando arriva l’estate e si devono programmare le vacanze?

Fortunatamente l’Italia è in cima alla classifica dei Paesi con il maggior numero di viaggiatori Pet Friendly.

 

Immagine di chandlervid85 su Freepik

 

Andiamo al mare? Viene anche il cane!

La scorsa estate sono stati oltre 8,5 milioni gli italiani che hanno scelto di partire per le vacanze in compagnia del proprio animale.

Ormai sono molteplici le strutture ricettive che accettano i nostri amici a 4 zampe ad esempio più del 27% degli alloggi su Airbnb sono pet friendly.

Ma non esistono solo B&B ma anche Hotel, spiagge, pub e ristoranti che aprono le porte ai nostri animali poiché ormai, vengono considerati membri effettivi della famiglia. Si tratta di luoghi che offrono persino servizi di toelettatura, veterinario 24/7, dog sitting, SPA e dog beach, attirando turisti coi loro cani a livello internazionale.

Caso diventato anche virale sui social network con quasi 750 mila post dedicati all’hashtag #doghotel su Instagram e ben 78 milioni su TikTok (complice anche lo Chef Barbieri).

Tantissime inoltre  le agenzie che aiutano le strutture a diventare pet friendly con una pet policy studiata ad hoc così da poter andare incontro sia alle necessità dei padroni sia a quella dei proprietari delle strutture ricettive.

Secondo recenti studi, infatti, la percentuale di prenotazione nelle strutture che accettano animali sarebbe superiore del 15% rispetto a quelle che non sono propense. E il tasso di cancellazione è molto più basso.

 

In fin dei conti, forse, ci sarà qualche peletto in più da pulire. Ma conviene!

 

Immagine in evidenza di Freepik

© Riproduzione riservata